Indice del forum

*** ARTCUREL FORUM ***

ARTCUREL: Arte, Cultura e Religione

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Documento
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Ecologia
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
f.arpaia








Registrato: 01/01/06 10:48
Messaggi: 8
f.arpaia is offline 

Località: Milano
Interessi: Energia
Impiego: Tecnologo
Sito web: http://www.energoclub.it

MessaggioInviato: Gio Gen 26, 2006 2:24 pm    Oggetto:  Documento
Descrizione:
Rispondi citando

Le disposizioni dell'Unione Europea in merito all'autorizzazione degli impianti industriali, sono esposte nella direttiva IPPC del 1996 (Integrated Pollution Prevention and Control). Senza quest'autorizzazione, le installazioni rilevanti che comportano fattori di rischio sociale ed operativo non possono funzionare. Le autorizzazioni devono essere basate sul concetto delle migliori tecniche disponibili BAT (Best Available Techniques). In molti casi "BAT" significa un miglioramento ambientale piuttosto sostanziale.
Quindi un sistema ordinato garantisce ai singoli cittadini condizione di vita sempre più accettabile, riferita agli aspetti sociali, economici e sanitari. Il concetto di sviluppo sostenibile prevede l’attenuazione delle carenze del terzo millennio gravanti sull’ Ambiente l’Acqua e l’Energia con rimedi innovativi vantaggiosi per l’ecosistema.
Si tratta di una rivoluzione mirata al benessere globale che ha bisogno del sostegno e della collaborazione di tutti i cittadini della Terra. Occorre attuare un salto di qualità etico in grado d’ispirare comportamenti più responsabili in tutti i soggetti e le componenti della società civile. Il mezzo più efficace per il raggiungimento di questo obiettivo è fondato sulla consapevolezza dei limiti posti dalla natura che non possono essere considerati variabili indipendenti allo sviluppo economico e sociale delle popolazioni. Sono molti i mezzi che vengono messi a disposizione da Enti Pubblici ed Imprese, essi riguardano principalmente l’utilizzo razionale delle risorse naturali con diminuzione delle emissioni inquinanti. Gli effetti delle nuove tecnologie tendono a salvaguardare la qualità dell’ambiente e quindi della salute. Si pensi ai vantaggi che arrecherà l’introduzione dell’Idrogeno in sostituzione del petrolio: Il Presidente G.W.BUSH, prevede che i bambini di oggi prenderanno la patente con automobili alimentate ad idrogeno, esse avranno la duplice funzione: di giorno saranno utilizzate per il trasporto e di notte produrranno E.E. per la rete. I benefici dei processi di qualità nell’organizzazione del lavoro, accelereranno il raggiungimento del benessere in particolar modo nei paesi meno fortunati; i primi segnali positivi si rilevano in India e Cina. Personalmente ritengo che un supporto determinante al cambiamento culturale in atto è rappresentato dai Centri d’Informazione Ambientale con la seguente missione: Proteggere la qualità dell’aria sviluppando il monitoraggio e la prevenzione delle emissioni inquinanti; ridurre la quantità dei rifiuti domestici ed industriali promuovendone il riciclaggio e la conversione; gestire l’uso dell’Energia sviluppando le tecniche ad alto rendimento energetico nell’industria, nell’agricoltura, nelle abitazioni, nei settori del terziario e dei trasporti; sviluppare la gestione ambientale presso le aziende e le autorità locali e promuovere i prodotti ecologici; riabilitare i siti inquinati; incoraggiare l’uso delle fonti rinnovabili di energia solare, eolica, da biomassa, idroelettrica e l’isolamento termico degli edifici. In questo senso le Agenzie nate dopo il referendum che ha accorpato le competenze in materia di tutela ambientale, possono svolgere un ruolo insostituibile attivando strategie d’informazione, educazione e formazione volte a promuovere lo sviluppo sostenibile come definito a Rio de Janeiro “sviluppo che soddisfa i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro bisogni”. Occorre proporre modelli formativi non più e non solo incentrati sui singoli aspetti settoriali, ma in grado di sviluppare professionalità: capaci di produrre processi industriali competitivi rispettosi dell’ambiente e del risparmio energetico. Alla base del successo dello sviluppo sostenibile c’è la formazione ambientale insieme alle attività di comunicazione, informazione ed educazione; strumenti essenziali per rendere consapevoli tutti i cittadini. Le azioni di carattere generale si possono così suddividere: a) promuovere, pianificare e progettare interventi finalizzati su obiettivi di sviluppo sostenibile. b) promuovere e finalizzare piani d’azione di sviluppo sostenibile locale. c) promuovere l’utilizzo di strumenti volontari di gestione ambientale in un’ottica di Qualità: EMAS II certificazione ISO 14000 e Sicurezza L. 626/1994. d) diffondere le leggi e le normative di carattere ambientale attraverso proposte innovative di formazione continua e permanente: -1) spiccato carattere di flessibilità ed integrazione – 2) ruoli di interfaccia con altri contesti – 3) conoscenza di processi complessi – 4) impiego di risorse umane, materiali, economico/finanziarie e culturali – 5) gestione del rischio biologico, chimico/fisico con riferimenti alla L.626.
Imparare a saper correlare il proprio comportamento alle grandi emergenze che affliggono molti paesi della Terra – significa: essere in grado di poter attivare l’apparato istituzionale, più prossimo, come condizione efficace di prevenzione.
Lo sviluppo sostenibile, riguarda anche la generazione di E.E. con produzione e utilizzo preferenziale d'idrogeno. Sono anni che rifletto e mi aggiorno sul cambiamento che l'introduzione del vettore idrogeno determinerà sull'economia mondiale, condividendo la tesi ribadita alla recente COP9 del 09.12.'03, da Jeremy RIFKIN
La ricerca, l'industria elettromeccanica e le banche devono accogliere senza esitare la sfida, dobbiamo partire immediatamente con lo studio e la progettazione degli stoccaggi della CO2, dell'idrogeno e dei sistemi di distribuzione di quest'ultimo. Sono certo che l'opinione pubblica sosterrà questo modello ecologico, innovativo, economicamente vantaggioso e sicuro.

_________________
Il futuro è Idrogeno. Per maggiori conoscenze in merito, consiglio sempre a tutti di consultare il sito:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
di cui sono socio fondatore.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Adv



MessaggioInviato: Gio Gen 26, 2006 2:24 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Ecologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





*** ARTCUREL  FORUM *** topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008